×
LA TUA GUIDA
Esplora

Biglietti e tour
Compara hotel
Ravenna: tour guidato tra mosaici e monumenti UNESCO
28 USD
L'offerta
Scopri la bellezza eterna dei mosaici custoditi all'interno dei più famosi siti patrimonio dell'umanità UNESCO di Ravenna. Ammira 5 incredibili monumenti durante questo tour in compagnia di una guida esperta.
Vai al sito web   ▶
Informazioni pratiche
Dettagli
Parti dal comodo punto d'incontro in Piazza San Francesco e percorri le vie del centro di Ravenna in compagnia di una guida per esplorare cinque incredibili siti patrimonio dell'umanità UNESCO: il Battistero Neoniano, il Mausoleo di Galla Placidia, la Basilica di San Vitale, la Basilica di Sant'Apollinare Nuovo e la Cappella Arcivescovile di Sant'Andrea. Avrai l'opportunità di visitare: La Basilica di San Vitale: uno dei più importanti monumenti dell'arte paleocristiana in Italia. Entrando nella basilica, il tuo sguardo sarà catturato dagli spazi elevati, dai meravigliosi mosaici dell'abside e dalla straordinaria rappresentazione della coppia imperiale di Bisanzio, Giustiniano e Teodora, con il loro corteo. La Basilica di Sant'Apollinare Nuovo: adibita in origine a luogo di culto ariano, oggi permette di ricostruire l'evoluzione dei mosaici parietali bizantini dall'età di Teodorico a quella di Giustiniano. La Cappella Arcivescovile di Sant'Andrea: rappresenta la glorificazione di Cristo in chiave anti-ariana ed è l'unico esempio ancora oggi intatto di cappella arcivescovile paleocristiana. Il Battistero Neoniano: si tratta di uno dei monumenti più antichi della città, realizzato in semplici laterizi all'esterno ma ricco all'interno di marmi, stucchi e mosaici di chiara influenza ellenistico-romana. Il Mausoleo di Galla Placidia: costruito intorno alla metà del V secolo, per volere di Galla Placidia, che regnò sull'Impero romano d'Occidente. Le innumerevoli stelle del cielo notturno a decorazione della cupola hanno colpito nei secoli l'immaginazione e la sensibilità di visitatori e personalità di spicco come il sommo poeta Dante Alighieri, che ne trasse ispirazione per la stesura di alcuni versi della Divina Commedia.