×
LA TUA GUIDA
ISPIRATI

ESPLORA
OFFERTE
COMPARA HOTEL
FILTER

DOVE MANGIARE a Padova

Ristoranti a Padova
Alimentata da una grande varietà di prodotti stagionali, la cucina padovana combina l’alta qualità degli ingredienti alla tradizione, impreziosita dalla professionalità di cuochi che sanno preservare gli antichi sapori, rivisitandoli secondo la più moderna sensibilità gastronomica.

La generosità di questa terra fertile si ritrova nella ricchezza dei prodotti che compongono i piatti tipici locali. Il riso è uno degli ingredienti principali dei primi piatti e viene proposto in molte varianti e con molta fantasia negli abbinamenti: con i piselli (risi e bisi), con il radicchio, con gli asparagi o con i bruscandoli.
Tra i primi piatti sono famosi la pasta e fagioli, la gran varietà di minestre maridae e i bìgoli, simili a grossi spaghetti,  ottenuti dalla lavorazione della pasta con il bigolaro. Versioni diverse dall’impasto classico sono quelle aromatizzate con il nero di seppia o impastate con farina integrale.  Nella zona dei Colli Euganei tradizionali sono le minestre e gli squisiti risotti realizzati con erbette e germogli spontanei e le lumache che possono essere proposte in umido, arrostite o fritte. 
Tipici della zona anche il musso in ‘tecia’, le rane fritte o in umido e i gamberi dolci. Ma il punto di forza della cucina locale è sicuramente la “Corte Padovana” dove regna sovrana la famosa Gallina Padovana, allevata sin dall’antichità e nata dall’incrocio di razze diverse. Oca, pollo, cappone, faraona, anatra e tacchino completano la Corte. Una delle prelibatezze preparata con le carni di questi volatili è il gustoso e ricco gran bollito alla padovana insaporito da salse, mostarda o senape.
Nell’area delle città merlate di Este e Montagnana è molto diffuso l’allevamento dei suini dai quali si ottengono gustosi salumi e insaccati come il Prosciutto Veneto Berico-Euganeo, meglio conosciuto come Prosciutto dolce di Montagnana  e la soppressa.
E ovviamente non poteva mancare la regina della cucina veneta: la polenta. Famosa è quella “fasoà” preparata con strutto di maiale.
Tra le torte tipiche troviamo la pazientina, a base di crema zabaione, la fregolòtta più nota come sbrisolona, la fugassa padovana uno dei dolci più antichi e la figassa a base di fichi secchi macerati nella grappa. La venerazione che i padovani nutrono per Sant’Antonio la ritroviamo anche nella pasticceria tipica, con una serie di dolcetti a lui dedicati: gli amarettoni, i merletti, il pan ed il dolce del Santo.

Tante prelibatezze non possono che essere generosamente accompagnate dagli ottimi vini garantiti dai consorzi Colli Euganei DOC, Merlara DOC, vini DOC di Bagnoli e Corti Benedettine. Eccellenti anche i distillati ed i liquori spesso aromatizzati con erbe e frutti del territorio.
Infine chiunque passi per Padova non può perdersi il famoso Spritz, a base di vino bianco secco e frizzante, acqua e una buona dose di aperitivo alcolico.
 filtra per